IL RINNOVO DELLE CARICHE FIESOLANE

Per le modalità di presentazione delle domande di candidatura alle cariche di Direttore Artistico e Sovrintendente della Scuola si prega di prendere visione di questa pagina

Chiudi
 
 
 

Non volevo vedere

Informazioni aggiuntive

  • Data: Venerdì, 24 Novembre 2017
  • Ora: 21:00
  • Luogo: Teatro Studio Mila Pieralli, Via Gaetano Donizetti, 58 – Scandicci (FI)

e se perdi, sai ricominciare senza dire una parola di sconfitta

Sarà il Teatro Studio Mila Pieralli di Scandicci ad ospitare, il 24 novembre alle 21, la ripresa della lettura in musica del libro di Fernanda Flamigni e Tiziano Storai Non volevo vedere, tragico racconto di un amore che sfocia nella violenza, ma anche messaggio di speranza e dignità. Alda Dalle Lucche, Susanna Bertuccioli e la voce di Daniela Morozzi saranno in scena insieme all’Arcobaleno Ensemble diretto da Giada Moretti.
I biglietti sono disponibili anche presso la portineria della Scuola, ingresso unico 5,00 €

dal libro di
Fernanda Flamigni e Tiziano Storai

Lettura in musica di
Daniela Morozzi voce recitante
Alda Dalle Lucche saxofono
Susanna Bertuccioli arpa

Arcobaleno Ensemble
Piccola orchestra di saxofoni, arpe e bambine di tutte le età

Alice Abbate, Ester Ida Bernardi, Michela Ciampelli, Martina Daga, Lucia Danesi, Giulia Fidenti, Matilde Incalcaterra, Livia Lorenzini, Tiziana Maccherini, Orsola Mameli, Alice Massetti, Marta Miniati, Teresa Romoli, Sara Salmane, Morgana Terracina, Margherita Vannuccini

Giada Moretti direttore

Musiche di Musiche di H. Villa Lobos, A.C. Jobim, C. Mansell, I. Fossati

Trieste, marzo 1989. Due giovani si incontrano durante l’occupazione dell’università. Si innamorano, si fidanzano e si sposano… ma lui si rivela autoritario, instabile e insospettatamente dedito alla droga. Il rapporto diventa sempre più difficile e claustrofobico, diviso tra l’ostinata convinzione di poter cambiare il destino e il crescendo di menzogne, minacce, violenza, fino ad arrivare alla tragica fine.
Non volevo vedere è tratto dalla vicenda autobiografica di Fernanda, ed è una testimonianza autentica del “distorsivo” rapporto tra un uomo ed una donna che, con agghiacciante frequenza, sfocia nel dramma del femminicidio.

La musica, affidata alla voce di un saxofono e di un’arpa, racconta insieme alle parole ciò che Fernanda ha vissuto ed il messaggio che ha voluto dare: un inno alla speranza, per vincere la battaglia per la vita e la dignità, per credere nell’uguaglianza e nella libertà.


Ingresso unico 5 €
Biglietti online https://www.boxol.it/TeatroDellaPergola/it/advertise/teatro-studio-scandicci/173226


Spettacolo realizzato con il contributo di Città Metropolitana di Firenze