La musica avvicina le sponde del Mediterraneo

La nuova collaborazione tra la Scuola e l’Istituto Italiano di Cultura di Tunisi ha avuto il suo battesimo in un’occasione pubblica di grande significato: il Quartetto TAAG, che sta completando la sua preparazione alla Scuola presso l’Accademia Europea del Quartetto, ha partecipato alla cerimonia di inaugurazione della mostra di antichità africane al Museo del Bardo di Tunisi, il 18 marzo scorso. La data scelta coincideva significativamente col terzo anniversario del terribile attentato che nel 2015 costò la vita ad un gruppo cosmopolita di 21 visitatori e ad un agente delle forze dell’ordine (nonché ai due attentatori).
Il Quartetto TAAG si è fatto interprete musicale del doloroso ricordo delle vittime, eseguendo insieme al giovane soprano Nesrine Zemni lo Stabat Mater op. 61 di Luigi Boccherini. Grande successo per la delicata e toccante pagina del compositore lucchese, restituita con intensa partecipazione e finissima lettura dai giovani interpreti Tiziana Lafuenti e Alessandra Deut (violini), Alessandro Curtoni (viola) e Giulio Sanna (violoncello).
Al senso gioioso della rinascita di questo luogo di civiltà ha contribuito la presenza di numerosi ed autorevoli esponenti del mondo culturale e diplomatico, tra cui il direttore del Museo del Bardo Moncef Ben Moussa, l’ambasciatore Italiano Raimondo de Cardona, la direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura Maria Vittoria Longhi, il console della Tunisia a Firenze Gualserio Zamperini, la vicepresidente della Regione Toscana Monica Barni, Roberto Ferrari direttore della sezione cultura e ricerca della Regione Toscana, Claudio di Benedetto, direttore della divisione collezioni e servizi della Galleria degli Uffizi e naturalmente il nostro direttore artistico Alain Meunier.
Il recentissimo accordo lega la Scuola di Musica di Fiesole all’Istituto Italiano di Cultura di Tunisi, grazie alla convinta adesione della direttrice Maria Vittoria Longhi, che ha accolto con entusiasmo l’idea di favorire gli scambi culturali nell’area mediterranea con la condivisione delle conoscenze artistiche e delle più aggiornate metodologie didattiche. Illustri maestri guideranno gli studenti in attività formative, workshop, seminari e produzioni concertistiche, incrementando il sapere dei giovani musicisti tunisini e favorendo i contatti tra le due rive del Mare Nostrum, in un fecondo scambio di saperi. Lo svolgimento delle attività didattiche e concertistiche potrà approfittare della Cité de la Culture di Tunisi, un nuovo ampio spazio nel quale stanno sorgendo ben tre teatri.
“L’inizio della collaborazione con un paese come la Tunisia, di forti e proprie tradizioni musicali”, dice il Sovrintendente Lorenzo Cinatti “ci stimola e incuriosisce, ribadendo ancora una volta che il Mediterraneo non è frontiera né confine, ma luogo di confronto e crescita culturale e umana. Il concerto al Museo del Bardo, in occasione del terzo anniversario dell’attentato, che è costato la vita a cittadini europei e tunisini, ci impegna ancora di più a fare della musica il linguaggio condiviso fra le due sponde del Mediterraneo. Ringraziando l’Istituto Italiano di Cultura per la prestigiosa partnership e la Regione Toscana, che da sempre sostiene le iniziative della Scuola, ci prepariamo a nuove ed entusiasmanti avventure musicali.”
La Scuola di Musica di Fiesole è da sempre impegnata in progetti internazionali, anche grazie all’appartenenza all’Associazione Europea dei Conservatori: negli ultimi anni una convenzione con il Mozarteum di Salisburgo ha prodotto, tra l’altro, l’allestimento in coproduzione del capolavoro mozartiano La clemenza di Tito -cui la Scuola partecipava con l’Orchestra Giovanile Italiana- rappresentato nel 2014 a Salisburgo ed al Teatro Romano di Fiesole.

Eventi

5 x 1000

IO CI METTO LA FIRMA. Sostieni con noi i progetti gratuiti dedicati ai bambini.

Anche grazie al 5 x 1000 potremo continuare a realizzare i progetti didattici per i bambini che...

Read more

L’OGI alla 73a Sagra Musicale Umbra

L’ultimo appuntamento dell’estate è per l’Orchestra Giovanile Italiana una grande occasione di crescita musicale e civile, grazie all’invito a partecipare alla 73a Sagra Musicale Umbra per l’esecuzione del War...

Read more

Il Quartetto Shaborùz al Premio Cittadin…

Angela Tempestini e Lorenzo Salvatori (violini), Caterina Bernocco (viola) e Sarvin Asa (violoncello) sono i giovani musicisti che compongono il Quartetto Shaborùz, che si sta formando alla Scuola nella classe...

Read more

Un concerto per Giuliano

Quattro anni fa scompariva improvvisamente Giuliano Valori, noto pianista romano la cui famiglia, con gesto di grande generosità, ha scelto di istituire una doppia borsa di studio destinata a giovani...

Read more

Fortissimissimo Metropolitano inizia da …

La giovanissima pianista Giulia Loperfido, che frequenta il corso di perfezionamento di Andrea Lucchesini, sarà la prima protagonista del nuovo ciclo Fortissimissimo Metropolitano, il prossimo 23 settembre.fff - Fortissimissimo Festival...

Read more

Weekend in Musica – Cosimo Macchia

Weekend in musicaRassegna concertistica in collaborazione con la Regione Toscana2 visite ore 10.00 e ore 11.002 brevi concerti ore 10.45 e ore 11.45

Il giovanissimo e talentuoso flautista Cosimo Macchia, che...

Read more

Giovanni Sollima dirige l'OGI - Roma

L’Orchestra Giovanile Italiana incontra Giovanni Sollima, poliedrico musicista la cui attività spazia tra il violoncello, di cui è un acclamato virtuoso, e la composizione, con un ricco catalogo di lavori...

Read more

Giovanni Sollima dirige l'OGI - Firenze

L’Orchestra Giovanile Italiana incontra Giovanni Sollima, poliedrico musicista la cui attività spazia tra il violoncello, di cui è un acclamato virtuoso, e la composizione, con un ricco catalogo di lavori...

Read more

Weekend in Musica – Giovani Madrigalisti…

Weekend in musicaRassegna concertistica in collaborazione con la Regione Toscanadue visite orario 9.30 e 10.00

Nella cornice della Sala Pegaso di Palazzo Strozzi Sacrati, si leveranno le voci dei giovani cantori...

Read more

Cerca