Lunedì 8 novembre l’Auditorium Sinopoli ha ospitato per la prima volta la cerimonia di inaugurazione dell’Anno Accademico della Scuola: un’occasione speciale di festa, ancor più importante in questo difficile periodo pandemico che ha finora fortemente limitato la possibilità che la Scuola si apra alla città.

La risposta è stata entusiasmante e, pur nel rispetto delle norme di sicurezza, l’Auditorium è tornato ad essere festosamente affollato. Abbiamo avuto l’onore della presenza e dei saluti del Presidente della Regione Eugenio Giani, di Alessandra Petrucci Rettrice dell’Università di Firenze, di Alessandro Martini Assessore all’urbanistica del Comune di Firenze, della Presidente del Tribunale di Firenze Marilena Rizzo e di Giovanni Pucciarmati neodirettore del Conservatorio Cherubini di Firenze. Erano presenti, tra gli altri, il Senatore Riccardo Nencini, l’Assessore all’Istruzione della Regione Toscana Alessandra Nardini, la Presidente della Commissione istruzione, formazione, beni e attività culturali della Regione Toscana Cristina Giachi, il direttore della sede di Firenze della Banca d’Italia Mario Venturi, Franca Maria Alacevich membro del Consiglio Superiore della Banca d’Italia e Presidente del Comitato di reggenza di Firenze, il direttore generale della Fondazione Orchestra della Toscana Marco Parri e il noto musicologo Daniele Spini che pochi giorni fa è stato delegato alla Presidenza della nostra Fondazione dalla Sindaca Anna Ravoni.
Il Sovrintendente Alessandro De Sanctis ha colto l’occasione per ringraziare tutto il corpo docente e lo staff della Scuola, che in questi ultimi due anni hanno fronteggiato la difficile situazione con grande abnegazione e slancio creativo. De Sanctis ha annunciato l’imminente restyling del sito e la realizzazione di una innovativa piattaforma web, che sarà un importante veicolo di promozione e divulgazione dell’insegnamento fiesolano nel mondo.
Il Direttore artistico Alexander Lonquich ha annunciato l’imminente ripresa dei concerti ed illustrato la nuova impaginazione “plurale” di molti corsi di perfezionamento, pensati per offrire ai giovani musicisti stimoli ed occasioni di crescita grazie al contatto con eccellenti personalità musicali provenienti da tutta l’Europa.
Il cuore della manifestazione è stato negli interventi musicali degli ensemble della Scuola: felice ed emozionato per l’inatteso bagno di folla il Quartetto di sax Alpha, preparato da Alda Dalle Lucche che si è detta “davvero contenta per i ragazzi, ai quali avevo affidato per questa manifestazione così importante un brano difficile; ho portato all’Auditorium anche le matricole, perché mi sembrava giusto che partecipassero a questa festa, che era soprattutto la loro.”
Claudia Bucchini, che ha presentato il Quartetto di flauti, ha definito l’inaugurazione “una fantastica iniezione di energia per i ragazzi. Tutti abbiamo respirato un’aria di fiducia per i prossimi anni” ha aggiunto, mentre i giovani flautisti, tra cui Roberta, hanno festeggiato “il concretizzarsi del nostro impegno - dopo tanto tempo di studio appartato - in un’occasione pubblica che ci auguriamo segni un nuovo inizio per la Scuola e per la Musica.”
Anche il Quartetto Schiele, della classe di musica da camera di Matteo Fossi, ha partecipato al piccolo concerto: per l’occasione Matilde ha suonato il violino Gennaro Gagliano (1760) di proprietà della Scuola, dicendosi “molto emozionata e grata per questa speciale opportunità.”
Anche le due arpiste Nora ed Aran, allieve di Susanna Bertuccioli, hanno dato il loro contributo alla festa, mentre l’ultimo degli interventi musicali è stato affidato al Quartetto jazz, che ha concluso il concerto con grande successo e molta soddisfazione per tutti, compreso Matteo che pure si è inserito nel gruppo all’ultimo, “sostituendo un compagno in quarantena” (giusto per non dimenticare quale difficile momento stiamo attraversando).
Anche la stampa ha dato ampio risalto a questa inaugurazione; ora non resta che mettersi al lavoro!