Un nuovo percorso di educazione strumentale biennale si rivolge a bambini e adolescenti che si avvicinano per la prima volta alla musica. Dal settembre 2019 l’offerta didattica della Scuola, da sempre pioniera nell’individuare le più efficaci modalità d’insegnamento, si arricchisce con l’istituzione del Dipartimento di educazione musicale per l’infanzia e l’adolescenza (DEMIA), all’interno del quale i principianti sono inseriti in un programma di lezioni condivise in piccoli gruppi omogenei per età. 


La lezione condivisa ha innanzitutto un valore didattico di comprovata efficacia, con risultati immediati per quel che concerne il coinvolgimento emotivo, l’ascolto e la motivazione; favorisce i legami tra gli allievi e anche tra le loro famiglie, che hanno maggiori occasioni di sostegno e confronto. Tra i vantaggi di questo percorso ci sono la possibilità di concentrare, almeno nel primo anno, la frequenza alla Scuola in due soli giorni ogni settimana e al contempo l’alleggerimento del carico economico delle famiglie, nella fase iniziale di avvicinamento alla musica.

In questi primi due anni gli obiettivi didattici vengono raggiunti attraverso il lavoro in piccoli gruppi (al massimo 4 bambini) e conseguiti tramite il gioco, l’imitazione, la ripetizione e il confronto positivo, con un minor carico di responsabilità individuale a vantaggio di un risultato più gratificante.

Al termine del biennio nel DEMIA, gli allievi che intendono proseguire con la formazione preaccademica vengono indirizzati dai docenti verso i corsi di base della Scuola, che prevedono la lezione individuale e la frequenza delle materie complementari.

L’attivazione del percorso DEMIA è subordinata al numero di iscrizioni che perverranno entro i termini previsti

Quota d’iscrizione: 100,00 €
Quota di Frequenza: da 774,00 € a 1.000,00 € in base alla fascia ISEE di reddito
Iscrizioni aperte dal 1° giugno al 1° settembre