Giovedì 2 maggio la Scuola ha ricevuto la visita dell’On. Prof. Lorenzo Fioramonti, Vice Ministro del Ministero per l’istruzione, l’università e la ricerca.
Due brevi momenti musicali hanno animato la visita del Viceministro, con la partecipazione della giovane pianista Lavinia Bertulli, allieva di Andrea Lucchesini, e del Quartetto Kaleidos della classe di Edoardo Rosadini


La presenza a Fiesole del Prof. Fioramonti -cui sono state conferite le deleghe per l’indirizzo ed il coordinamento del sistema della formazione superiore, con riferimento alle istituzioni universitarie ed alla promozione dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica (AFAM)- è un importante riconoscimento per la Scuola, che dal 2013 è stata autorizzata dal MIUR al conferimento del Diploma AFAM di I livello, e da quest’anno anche della Laurea magistrale di II livello.

La Scuola di Musica di Fiesole –questa la dichiarazione del Vice Ministro a conclusione della visita- è un’eredità importante del panorama musicale e artistico del nostro Paese, che dobbiamo valorizzare. L’Italia è il paese più importante al mondo, da questo punto di vista, ed è nostro compito trasformare tutte queste realtà, pubbliche e private, in un vero ecosistema che possa ridare al nostro Paese quel lustro che ha avuto per tanto tempo e che deve assolutamente esser recuperato, utile non soltanto da punto di vista culturale, ma anche per lo sviluppo sociale.
Fondamentale -ha proseguito- è che le varie anime del Governo parlino tra di loro, quando si tratta di temi trasversali come la cultura e la musica; in questo caso il MIUR e il Ministero dei beni culturali debbono lavorare in maniera più coordinata, e per questo abbiamo avviato con il Mibac un protocollo di intesa.

L’Orchestra Giovanile Italiana, una delle più importanti iniziative della Scuola di Musica di Fiesole, è un fondamentale contributo al benessere culturale del nostro Paese e deve essere valorizzata; ho vissuto in tanti paesi dove la musica è diventata un elemento di orgoglio nazionale ed anche di riscatto economico e sociale. L’Orchestra Giovanile, proprio per la sua natura, può tornare a svolgere questo ruolo e un migliore coordinamento tra le varie istituzioni che si occupano di questi temi è indispensabile affinché si possa fare questo salto di qualità.

Il Sovrintendente Lorenzo Cinatti ha espresso viva soddisfazione per la visita del Vice Ministro commentando: Ci ha fatto molto piacere accogliere il Vice ministro Fioramonti: ci tenevamo a mostrargli la realtà della nostra Scuola e i nuovi locali che abbiamo restaurato. 
Ci sono una serie di tematiche –peraltro ben presenti al Vice ministro- che sono trasversali al Ministero dell’istruzione e a quello dei Beni e delle attività culturali. Purtroppo in questa terra di nessuno la Scuola si è trovata in difficoltà nel far riconoscere le proprie istanze. Mi sembra che da questo punto di vista il messaggio sia stato ben recepito e sono fiducioso che questa visita si tradurrà in qualcosa di sostanziale per il futuro della Scuola”.

L’On. Fioramonti è stato accolto da Monica Barni, Vice Presidente della Regione Toscana, e dai dirigenti della Scuola -la Presidente Anna Ravoni, il Direttore Artistico Alain Meunier e il Sovrintendente Lorenzo Cinatti - che lo hanno accompagnato a visitare la Torraccia ed i nuovi locali dell’adiacente colonica denominata Lo Stipo, recentemente acquisiti alla didattica dopo un accurato restauro reso possibile dal contributo di Ales/Arcus. 
Per la Fondazione erano anche presenti Stefano Dalpiaz e Carlo Gattai, membri del Consiglio di Amministrazione della Scuola.